CORSO_MATTEOTTI_LINGUAGLOSSA_ETNA_LOGO
23/01/2017, 23:44

progettare terza et, residenza anziani, casa di riposo, linguaglossa, casa di cura



Residenze-per-anziani,-costruire-per-la-terza-età


 I servizi di cura alla persona crescono e con esse la necessità di avere strutture adeguate e progettate sulle esigenze dei suoi ospiti. Progettare per la terza età è la sfida del nuovo millennio



Le case di cura e di riposo per anziani sono sempre in maggior aumento in Italia, un dato che trova conferma anche nell’andamento del mercato del lavoro che vede crescere nei prossimi anni i settori dell’assistenza sanitaria privata e dei servizi di cura alla persona. Del resto, la difficoltà di conciliare famiglia e lavoro per prendersi cura dei propri cari più avanti con l’età, è sotto gli occhi di tutti. Non parliamo solo di anziani con problemi di salute, ma anche di persone che pur mantenendosi in forma vogliono evitare di vivere in solitudine. 
Ecco perché, in questo quadro sociale, l’idea di progettare e costruire una residenza di cura per anziani è davvero un ottimo investimento, a patto però di avere il terreno adatto!
Sotto le richieste sempre più pressanti del mercato, infatti, molte case di riposo sono nate riorganizzando appartamenti o ampi locali aventi in origine altre destinazioni, ma il vantaggio di progettare e costruire da zero una residenza di questo tipo offre vantaggi senza dubbio superiori. 
Un progetto ex novo, infatti, permetterebbe di organizzare gli ambienti in modo da garantire un maggior numero di servizi uniti a una migliore qualità. Oltre alle camere, ai servizi, alla cucina e alla sala da pranzo, una struttura nuova potrebbe accogliere un piano dedicato agli ambulatori, alla palestra, aree per le attività laboratoriali, sala convegni e uffici amministrativi, nonché un giardino esterno in cui poter passeggiare nelle belle giornate. Il vantaggio di spazi specifici si unirebbe alla possibilità di investire in nuove tecnologie (pannelli fotovoltaici, isolamento termico e acustico, ecc...) ma anche in progetti innovativi, come l’esperienza dell’asilo nido all’interno della casa di riposo (esperienza già fatta a Seattle e Piacenza: video)
Una struttura così concepita con spazi ampi e diversificati può essere non solo una casa di riposo, ma anche un centro diurno o un villaggio specializzato nell’assistenza alle persone con patologie quali Alzheimer, Demenza Senile e Parkinson. 
Ma attenzione, un terreno edificabile adatto allo scopo deve avere una posizione strategica: non troppo vicino al caos cittadino, in una zona residenziale, facilmente accessibile e non molto distante dalle principali vie di comunicazione. Sono preferibili i centri minori in cui l’aria è più salubre e i quartieri meno affollati (ad esempio: Corso Matteotti). 
Ovviamente parliamo di un settore in cui non si può improvvisare e, il fatto di costruire una struttura, non implica l’avere le competenze per gestirla. Ma, se si è nella condizione di poter fare l’investimento, è facile trovare cooperative o società operanti nel settore con cui lavorare insieme.



1
PUGLISI_PROPERTY_MANAGEMENT_LOGO
Create a website